Stamattina oltre al gran caldo abbiamo pure tassi di umidità molto alti: basta volgere lo sguardo verso le catene montuose e notare che appena si intravedono all’orizzonte.

 

Dalla immagine satellitare possiamo benissimo notare il flusso mite proveniente da sud ovest, carico di umidità, che poi andrà ad alimentare i temporali (talvolta molto forti) che avverranno anche oggi e domani lungo la catena alpina e prealpina, ai margini della zona di alta pressione e lambita dalle infiltrazioni fresche atlantiche, mosse dalla solita e semistazionaria depressione nei pressi delle Isole Britanniche (configurazione East Atlantic positiva) Al sud ci aspettiamo temperature roventi, specie nelle zone sotto vento al flusso da sud ovest (regioni adriatiche in genere): qui le massime potranno superare i 40°.


Nel proseguo della settimana nella nostra regione le termiche si riporteranno entro valori più accettabili: la zona depressa inglese si sposterà ancora più ad ovest e nel forno ci finirà la Spagna, mentre nei dintorni delle Isole Britanniche la pressione sarà in rialzo e sarà presente un campo di alte pressioni. Dal bordo meridionale affluirà aria più mite da nord-est facendo in modo di allentare la morsa del caldo. Purtroppo ben poche novità dal fronte delle precipitazioni: con questa configurazione è difficile avere piogge diffuse in Toscana (al massimo potremo avere qualche sparuto rovescio in Appennino):

 

se guardiamo i diagrammi noteremo che almeno fino a Ferragosto, salvo sorprese, non ci saranno piogge decenti sulle nostre zone. Insomma, l’estate proseguirà a tutto gas pur con termiche ridimensionate ma pur sempre calde.
Alessandro Nardi.

PS: Ricordiamo ai lettori che in questo periodo di ferie il portale potrebbe non essere aggiornato.