La “gobba” anticiclonica sta salendo di latitudine proprio in queste ore e non ha permesso ad un corpo nuvoloso atlantico di entrare franco sulla nostra penisola. Infatti abbiamo avuto solo un passaggio nuvoloso piuttosto sfrangiato e senza effetti tangibili. Questo promontorio di alta pressione avrà i massimi effetti proprio nei prossimi due/tre giorni, regalando delle belle giornate alla nostra regione e per di più con termiche che si porteranno su valori estivi, con punte vicino ai 30° (zone di pianura interne) fra venerdì e sabato. Come abbiamo già detto, questa “fiammata” durerà molto poco. Una saccatura nord-atlantica respingerà al mittente questa bolla calda già da sabato sera. Lo scontro di masse d’aria molto diverse (calda nord-africana, fredda nord-europea) provocherà la nascita di una linea temporalesca che prenderà i settori di nord-est prima e i settori adriatici dell’Italia centrale poi. La situazione sinottica farà si che tutta l’aria fresca passerà dalla porta della Bora e si attiveranno così dei forti venti orientali o nord-orientali anche in Toscana. La situazione ancora non è per nulla definita, di sicuro ci sarà il calo termico e il vento, ma dobbiamo valutare bene la penetrazione della linea temporalesca sulla nostra regione. Al momento sembra che possano essere prese le zone orientali, interne e appenniniche fra la notte di sabato e domenica. Ovviamente vi aggiorneremo meglio nei prossimi articoli.
Alessandro Nardi
Nella grafica: la situazione barica per le prime ore di domenica

…le precipitazioni previste (local area model a cura del Lamma su base GFS) con buona parte della regione esclusa dai fenomeni

Il vento previsto sempre per le prime ore di domenica, con raffiche di bora sull’alto adriatico.