Sole, sole ed ancora sole, è lui il protagonista assoluto e incontrastato delle nostre giornate da tanto tempo ormai.
Anche il mese di marzo purtroppo chiuderà in pesante deficit idrico su tutta la nostra regione, un mese in cui di norma è la vivacità atmosferica a farla da padrona con le prima giornate tiepide, ma anche con pioggie intense ed estese, primi temporali, ritorno della neve a bassa quota, insomma tutti ingredienti che sono mancati nel marzo di quest’anno e le prospettive future non sono affatto rosee.

La situazione attuale vede un grande anticiclone con centro sulle isole britanniche, ma che protegge gran parte della mittel Europa e del mediterraneo, nella classica configurazione ad omega.
Negli ultimi giorni aveva lasciato un pò scoperto il suo fianco più orientale favorendo l’inserimento di correnti fresche ed instabili da est che hanno determinato qualche fenomeno di instabilità nel sud Italia ed un lieve calo delle temperature e dei valori di umidità relativa in Toscana.

Cosa aspettarci per i prossimi giorni?
Niente di nuovo fino a venerdì con giornate soleggiate, temperature massime elevate fino a punte di 25°C nei fondovalle dell’interno e venti deboli o assenti lontano dal mare. Brezze vivaci invece lungo le coste, favorite dalla marcata differenza di temperatura tra terraferma e superficie del mare.

Successivamente, nel fine settimana, l’anticiclone si indebolirà e sul mediterraneo avremo un calo della pressione e del campo di geopotenziale, ma tutto ciò non provocherà peggioramenti significativi, se non dell’instabilità localizzata per lo più sui rilievi ed un rinforzo della ventilazione da nord con un lieve calo termico
Lorenzo Smorlesi